Archivio di dicembre 2014

Il video dell’Associazione: “Viaggio nel cosmo”

Ho appena terminato di aggiungere l’audio ed editato qualche taglio, oltre ad aggiungere qualche ripresa degli ultimi mesi. Spero che vi piaccia!

Cielo del mese di Dicembre

Il mese di dicembre sancisce la fine dell’ autunno e l’ inizio dell’ inverno, con il solstizio che segna il passaggio astronomico tra le due stagioni. Allo Zenit è possibile individuare una splendida Via Lattea, che non è luminosa come quella estiva, ma pur sempre affascinate. Intorno alle ore 23 la costellazione di Orione è interamente visibile verso Est con tutti i suoi oggetti, tra i quali: la famosa Nebulosa di Orione facilmente osservabile con piccoli strumenti, la Nebulosa Fiamma e la Testa di Cavallo che richiedono strumenti con aperture un po’ più generose.

Al meridiano troviamo l’Ariete e subito dopo il Toro, che si mostrerà dapprima con le Pleiadi e poi con l’arancione Aldebaran per lasciar posto poi alle famose “corna” dell’animale, dove si può individuare il resto di supernova M1 del catalogo Messier .

Verso Nord inizia a risalire la costellazione dell’ Orsa Maggiore, la cui parte superiore è chiamata Grande Carro, visibile tutto l’anno perché circumpolare come il Cefeo e il Drago; lo è anche Cassiopea con le nebulose Cuore e Anima oggetti molto belli da fotografare. Al centro, la stella polare ruota di poco rimanendo pressochè nella stessa posizione tutto l’anno. Poco sotto Cassiopea si individua la costellazione del Perseo che offre uno degli oggetti più facili da osservare: il famoso Doppio Ammasso (Xi e Chi Persei), composto da due ammassi aperti e osservabili con uno strumento a largo campo come un binocolo. Ancora visibile ma inizia ad abbassarsi verso Ovest è la costellazione di Andromeda con la famosa galassia M31.

Due sono gli sciami meteorici che merita citare per la loro attività:

Le GEMINIDI dal 07/12 al 17/12 con picco il giorno 14. Sciame meteorico annuale visibile nei pressi della stella alfa dei Gemelli e le URSIDI dal 17/12 al 26/12 con picco il giorno 22 visibile nei pressi dell’ Orsa minore.

I pianeti osservabili in questo periodo sono facilmente individuabili per la loro luminosità.

Giove domina praticamente tutta la notte, attraversando in moto retrogrado la costellazione del Leone. Saturno inizia ad allontanarsi dal Sole e possiamo scorgerlo all’alba nella costellazione della Bilancia. Urano, osservabile per quasi tutta la notte continua a rimanere nella costellazione dei Pesci.

In attesa di vedere come si comporterà a fine anno la cometa C / 2014 Q2 (Lovejoy), che dovrebbe raggiungere magnitudini apparenti intorno alla 7/8 grandezza, auguro a tutti buone feste.

Andreis Alberto.